Post

Oltre il 75% dei detenuti convive con disturbi mentali

di Valentina Stella Il Dubbio 15 dicembre 2017

Ha fatto tappa questa settimana al carcere romano di Rebibbia il “Progetto insieme – Carcere e salute mentale”, un’iniziativa nazionale che mira a far luce sulle condizioni dei detenuti con disturbi mentali ( depressione, disturbi della personalità e disturbi psicotici) e a migliorare la loro gestione. Il progetto, patrocinato dal ministero della Salute, è promosso dalla Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria, dalla Società Italiana di Psichiatria e dalla Società Italiana di Psichiatria delle Dipendenze, e ha coinvolto diverse figure che operano dentro le car- ceri per sviluppare un nuovo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale ( Pdta) per la gestione e il trattamento dei detenuti che soffrono di malattie mentali. Dietro le sbarre la prevalenza dei disturbi mentali è nettamente più alta rispetto alla popolazione generale. Le stime indicano infatti come il 4% dei detenuti sia affetto da disturbi psicotici contro l’ 1% d…

Intervista a Giachetti: «Sono un accanito amante della vita Ma scegliere è un diritto»

di Valentina Stella Il Dubbio 15 dicembre 2017

«La sofferenza fisica e morale a volte non consente più di onorare la vita in modo pieno e dignitoso. Il testamento biologico è l’espressione della volontà del vivente sul comportamento che i medici e i familiari devono tenere nei suoi riguardi se si trovasse in insostenibili condizioni di sofferenza o di incoscienza, destinati inesorabilmente alla morte» : è con il ricordo delle parole pronunciate nel 2005 da Luca Coscioni morto nel 2006 soffocato perché non volle la tracheotomia, rifiutando di continuare a vivere attaccato ad una macchina - che l’onorevole Roberto Giachetti ha commentato sulla sua pagina Facebook l’approvazione della legge sul biotestamento. Onorevole Giachetti che valore ha questo risultato? Lo stesso valore delle unioni civili, della legge del “dopo di noi”, di tutta una serie di leggi che in qualunque altro Paese europeo sono già da anni in vigore e che sono semplicemente leggi di civiltà. Sono molto contento che siamo…

«Così gli Occhionero hanno spiato 3 milioni di mail »

Di Valentina Stella Il Dubbio 13 dicembre 2017
Prosegue il processo a carico di Giulio e Francesca Occhionero: ieri nuova udienza presso il Tribunale di Roma dinanzi al giudice monocratico Antonella Bencivinni. A quasi un anno dall’arresto dei due accusati di cyberspionaggio, il pubblico ministero Eugenio Albamonte ha chiesto di ammettere agli atti nuovo materiale probatorio acquisito in un altro procedimento penale – ancora in fase di indagine – nei confronti dei due fratelli e che riguarda lo spionaggio politico (articolo 256 del codice penale, che punisce fino a 10 anni chi procaccia notizie concernenti la sicurezza dello Stato): nell’ambito di questo secondo procedimento la Polizia Postale, grazie alla collaborazione dell'Fbi, è riuscita a sbloccare i server utilizzati negli Usa dai due fratelli e  a decriptare i nove computer riconducibili agliOcchionero. “Questa ulteriore attività di indagine - ha spiegato in aula il pm - oltre a dare forza alla tesi accusatoria, attribuisce …

CORTO DORICO FILM FESTIVAL Ancona, i detenuti sceglieranno il vincitore del premio “Ristretti Oltre le Mura”

di Valentina Stella Il Dubbio 2 dicembre 2017

Inizia oggi ad Ancona – e si protrarrà fino al 9 dicembre -  la 14° edizione del Corto Dorico Film Festival, il primo ad essere dedicato al mondo dei cortometraggi italiani. Quest’anno si aggiunge la novità di una pre-finale al carcere anconetano di Barcaglione, dove i detenuti potranno votare uno dei corti finalisti - in anteprima sulla serata del 9 dicembre - e consegnare a esso il premio del pubblico della Casa di reclusione di Barcaglione.  "Corto Dorico è da sempre un Festival profondamente legato al sociale – commentano al Dubbio i co-direttori del Festival Daniele Cipri e Roberto Nisi – Dal premio Amnesty International al lavoro con i migranti, quest’anno, questo lavoro mirato all’integrazione dei mondi sommersi o marginali, presenti nella nostra società, si espande, creando una vera e propria Sala delle Comunità, nell’ultimo cinema di un quartiere ad alta densità di immigrati. Al contempo, Corto Dorico, supererà le mura del ca…

Interrogazione di Giachetti: Custodia cautelare oltre i termini per Giulio Occhionero?

Immagine
Di Valentina Stella Il Dubbio 21 novembre 2017
La reclusione di Giulio Occhionero è un abuso della misura carceraria in fase cautelare? Lo chiede il vice presidente della Camera Roberto Giachetti al Ministro della Giustizia Andrea Orlando mediante una interrogazione parlamentare a risposta scritta presentata lo scorso 10 novembre. Sono trascorsi oltre dieci mesi da quando l’ingegnere nucleare Giulio Occhionero è stato rinchiuso nel carcere romano di Regina Coeli con la principale accusa di aver tentato di violare i sistemi informatici di politici ed istituzioni. Quel 9 gennaio 2017 finì nel carcere di Rebibbia anche sua sorella Francesca, indagata per le medesime accuse. Oggi la donna è libera, con l’obbligo di dimora nella capitale; ma il fratello resta dietro le sbarre. Per questo l’onorevole Giachetti  ha interrogato il Ministro ipotizzando un “forte sospetto del trattarsi di un ennesimo caso di abuso della misura carceraria in fase cautelare”. Le ragioni a supporto della interrogaz…

«Halilovic è un mio assistito La difesa è un diritto inviolabile»

Immagine
Di Valentina Stella Il Dubbio 11 novembre 2017
“Avvocato, gli uomini di merda non si difendono! ”: questo il messaggio apparso su uno striscione lasciato davanti allo studio dell’avvocato Emanuele Fierimonte, legale di Maicon Halilovic, finito in manette insieme a Mario Seferovic, due giovani rom italiani, ma originari della Bosnia, accusati di aver sequestrato e violentato, il 10 maggio scorso, due ragazzine di 14 anni in un boschetto del quartiere romano del Collatino. Lo striscione porta la firma di Azione Frontale che sul web si presenta come “associazione che nasce dall’ idea di un gruppo di ragazzi, stufi di vivere passivamente il fenomeno di una società ormai priva di valori e sani ideali”, con l’obiettivo di combattere i poteri forti, il satanismo e la massoneria, e che sul sito condividono cartelli con su scritto “Nazionalisti sì, razzisti mai. Viva l’Italia fascista”. L’avvocato non ha alcuna intenzione di abbandonare la difesa di Halilovic e alDubbio racconta: «Non mi tiro i…

«E ora la separazione delle carriere non è più tabù»

Di Valentina Stella Il Dubbio 4 novembre 2017
Oltre 72000 firme raccolte in tutta Italia, più di 60000 quelle certificate e consegnate alla Camera dei Deputati: sono questi i numeri relativi alla proposta di legge di iniziativa popolare  per la separazione delle carriere dei magistrati, promossa dall’Unione delle Camere Penali Italiane. Obiettivo raggiunto a metà, ora bisogna aspettare che se discuta in Parlamento nella prossima legislatura. Per una associazione di penalisti, priva di una struttura dedicata propriamente alla raccolte di firme, come può avvenire all’interno di un partito, non sarà stato facile raggiungere questo risultato: “l’obiettivo è stato centrato per due ordini di ragioni - commenta l’avvocato  Giuseppe Belcastro, Coordinatore nazionale del comitato organizzatore per la separazione delle carriere -.  Abbiamo operato a livello territoriale disponendo dei nostri avamposti in tutto il territorio che sono le Camere Penali, circa 133 in tutta Italia. Il secondo aspet…