Post

Renzi: storia di schifezze, ci ho perso consenso

di Valentina Stella Il Dubbio 28 giugno 2017

Non sono molte le reazioni giunte alla notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati del pm Woodcock e della giornalista Sciarelli nell’ambito dell’inchiesta sulla fuga di notizie nel caso Consip. Da segnalare quella del sindaco di Napoli ed ex pm, Luigi De Magistris: “Io ho sempre conosciuto” Woodcock “come un magistrato serio, autonomo, indipendente, preparato e un grande lavoratore”. Secondo il primo cittadino partenopeo si tratta di “un atto dovuto” sottolineando che per i magistrati “non è raro essere sottoposti a verifiche giudiziarie che devono essere affrontate con tranquillità e affidandosi, come ha fatto Woodcock, all’autonomia e all’indipendenza della magistratura che indaga. Woodcock saprà dimostrare nelle sedi giudiziarie e investigative di aver agito correttamente”. Sull’inchiesta Consip aggiunge che “bisogna fare luce fino in fondo perché dobbiamo capire dove sono i fatti, dove i reati, dove le strumentalizzazioni, dove…

Roberti: «Sequestri ai corrotti? Attenti a non esagerare...»

di Valentina Stella Il Dubbio 27 giugno 2017

Nel pieno della discussione sulla riforma del Codice Antimafia, in attesa del via libera finale dell’Aula martedì, si inserisce la posizione inaspettata di Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo che nel consueto appuntamento domenicale de “L’intervista” condotta da Maria Latella su Skytg24, ha dichiarato di non essere d’accordo ad estendere le norme previste per i mafiosi sul sequestro e la confisca dei beni anche a coloro che sono semplicemente indagati per corruzione, senza il reato associativo. La riforma del Codice Antimafia, nata dalla proposta di iniziativa popolare sottoscritta da Arci, Libera, Cgil, Acli, allarga, infatti, la platea dei soggetti ai quali possono essere applicate le misure della prevenzione patrimoniale – appunto il sequestro e la confisca dei beni – anche a chi sia indiziato di uno reato contro la Pubblica Amministrazione, in particolare il peculato, la malversazione, la corruzione e la con…

In aumento i detenuti per droga

Di Valentina Stella Il Dubbio 27 giugno 2017

'Dalla semina americana al deserto italiano' è il titolo scelto per la presentazione, ieri alla Camera, del ' Libro bianco sulla Fini Giovanardi', frutto del lavoro di esperti della Società della Ragione, Forum Droghe, Antigone, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, con il contributo della Cgil della Comunità di San Benedetto al Porto, il Gruppo Abele, Itaca, Itardd, Lega CoopSociali e Lila oltre che dell’Associazione Luca Coscioni. «A fronte di una riforma chiaramente a favore della legalizzazione della cannabis da parte di stati Usa, la patria della “guerra alla droga”, in Italia il progetto di riforma della legge sugli stupefacenti si è bloccato» ha detto Marco Perduca, coordinatore della campagna Legalizziamo. it. Infatti, secondo i redattori del rapporto, alla sentenza della Corte costituzionale del 2014, che ha cancellato gli aggravamenti imposti dalla “Fini- Giovanardi” ( che equiparava le droghe pesanti a …

«La Suprema corte deve aver trovato illogico definire Brega Massone un assassino»

Immagine
di Valentina Stella Il Dubbio 24 giugno 2017

«Irragionevole credere che Brega Massone fosse un assassino» : è chiaro l’avvocato Titta Madia che insieme al legale Luigi Fornari difende Pier Paolo Brega Massone, il chirurgo ex primario della Santa Rita di Milano. Avvocato Madia si aspettava questa decisione dei Supremi Giudici? Era ottimista? Quando si va in Cassazione è difficile essere ottimisti. Si ha una speranza, perché bisogna tener conto che in Cassazione l’indice di accoglimento dei ricorsi è del 3 per cento. Quali sono stati i motivi principali - in sintesi - posti alla base del vostro ricorso? Sono stati due: Brega Massone era stato condannato per questi interventi chirurgici ritenuti abusivi senza che sia stata fatta mai una perizia. Una super perizia da voi chiesta più volte. Sì, ma ci è stata sempre negata. Il secondo motivo è che ritenere che Brega Massone entrasse in sala operatoria sapendo che era un assassino, e pronto ad uccidere delle persone, era un fatto privo di qualsiasi…

Il Garante dei detenuti Mauro Palma: «Suicidio Marco Prato annunciato»

Immagine
di Valentina Stella Il Dubbio 21 06 2017

«Nessuna sorpresa per un suicidio per molti versi annunciato» : è chiara la posizione del professor Mauro Palma, Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, sul suicidio di Marco Prato, nel carcere laziale di Velletri. Ora la procura di Velletri procede per istigazione al suicidio contro ignoti: «Credo sia un semplice atto formale, non penso sia stato istigato - commenta al Dubbio Palma - quello che bisogna fare è invece riflettere su come bisogna farsi carico dei soggetti che, pur avendo commesso dei reati orribili, hanno delle difficoltà psicologiche più grandi di quelle degli altri detenuti». Vi era già stato un trasferimento a Velletri per Prato? Nell’agosto dell’anno scorso, in occasione di una visita di controllo al reparto dei protetti ( quello che ospita reclusi per reati di natura sessuale, ndr), uno dei più fatiscenti di Regina Coeli, avevamo conosciuto Prato e più in profondità la sua situazi…

#carovanaxlagiustizia: domenica il bilancio dell’iniziativa alla sede del Partito Radicale

Immagine
di Valentina Stella Il Dubbio 17 giugno 2017

Oggi la Carovana per la Giustizia farà la sua ultima tappa in Calabria: prima una visita al carcere di Cosenza e poi dibattito al Museo del Presente di Rende. Nella notte sarà in viaggio verso la capitale dove terrà nel primo pomeriggio di domenica, alle 15: 45, una conferenza stampa al Partito Radicale convocata insieme all’Unione delle Camere Penali Italiane. Oggetto dell’incontro con la stampa: il bilancio dell’iniziativa radicale a partire dal numero delle sottoscrizioni alla proposta di legge per la separazione delle carriere tra pm e giudici. Saranno presenti alla conferenza: Rita Bernardini, che sarà al suo 24esimo giorno di sciopero della fame; Sergio d’Elia e Antonio Cerrone della Presidenza del Partito Radicale; Maurizio Turco, Partito Radicale e Lista Marco Pannella; Giuseppe Belcastro, Coordinatore per l’Unione Camere Penali della raccolta firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare per la separazione delle carriere; l’…

Oggi a Scalea il film ' Spes contra Spem'

Immagine
di Valentina Stella Il Dubbio 16 giugno 2017

La settima giornata della ' Carovana per la giustizia', giunta a pochi giorni dalla sua conclusione, si è aperta con una raccolta firme presso la Casa circondariale di Catanzaro. Al termine delle tre ore passate nel carcere calabro, la delegazione del Partito Radicale e della Camera Penale di Catanzaro composta, tra gli altri, dai radicali Rita Bernardini e Sergio D’Elia e dagli avvocati Antonietta De Nicolò e Felice Foresta, accompagnati dal Consigliere comunale Antonio Giglio ha raccolto 262 firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare per la separazione delle carriere. Quasi 2000 le sottoscrizioni totali. Rita Bernardini prosegue il suo sciopero della fame per chiedere tempi certi sui decreti attuativi del ddl penale e per sollecitare il ministro Lorenzin a dare una risposta ai malati che hanno bisogno della cannabis terapeutica. Oggi la Carovana è a Scalea dove, presso la biblioteca comunale, verrà proiettato il film di …